banner-eneloop
Batterie-industriali-Panasonic
Caricabatterie-Panasonic
domotica
eneloop
Nuovo-catalogo-lampadine-led

News 01/2016

Perché abbiamo deciso di sviluppare la batteria eneloop

Cambiare il futuro dell'ambiente grazie a batterie diverse. Quante batterie utilizziamo e gettiamo via ogni anno? Che cosa possiamo fare per salvaguardare l'ambiente? Qual è la batteria ecologica ideale per il futuro? eneloop è la risposta di PANASONIC.

Secondo le stime, l'anno scorso sono stati gettati via più di 40 miliardi di pile a secco. Le batterie ricaricabili eneloop rappresentano l'energia rinnovabile e possono essere ricaricate fino a 2100* volte! L'uso delle batterie ricaricabili eneloop aiuta a ridurre i rifiuti da smaltire ed è quindi vantaggioso per l'ambiente. Non gettiamo le batterie nelle discariche

 

Tecnologia eneloop

eneloop è una batteria Ni-MH. Per comprendere le modifiche apportate alle batterie eneloop, occorre capire la costruzione di una tipica batteria Ni-MH.

Costruzione base di una batteria Ni-MH

Le batterie Ni-MH, come la maggior parte delle altre batterie ricaricabili, sono composte da due nastri metallici, vale a dire l'elettrodo positivo e negativo. Fra questi due nastri metallici è inserito un foglio isolante, il separatore. Questi tre strati sovrapposti vengono avvolti formando una bobina e inseriti in un contenitore metallico, che svolge la funzione di polo negativo della batteria. Prima di chiudere il contenitore con un coperchio, al suo interno viene versato un liquido, l'elettrolito. Nel coperchio vi è una valvola di scarico del gas, che permette la fuoriuscita dell'idrogeno quando la batteria è sovraccarica. Il comportamento elettrico della batteria dipende dalla composizione degli elettrodi, dal separatore e dall'elettrolito utilizzato.

Autoscarica delle batterie Ni-MH

Le moderne batterie Ni-MH consistono in due nastri metallici (anodo e catodo) separati da un nastro di plastica porosa isolante (separatore). Questi tre nastri vengono sovrapposti e arrotolati per formare una bobina. La bobina viene posta in un contenitore metallico e immersa in un liquido (elettrolito). Il contenitore viene quindi chiuso con un coperchio. L'autoscarica delle batterie Ni-MH è causata da tre fattori principali:

  • la decomposizione chimica del catodo
  • la naturale digregazione dell'anodo
  • Le impurità presenti nell'anodo

Come può essere ridotta l'autoscarica?

La decomposizione chimica del catodo è stata ridotta in modo sostanziale utilizzando un nuovo tipo di lega superlattice. Come vantaggio aggiuntivo, la lega superlattice aumenta la capacità elettrica della batteria riducendo la resistenza interna che permette una maggiore corrente di scarica. Un altro vantaggio della lega superlattice è che occorre una quantità inferiore di cobalto per stabilizzare la struttura del composto. L'anodo è stato rinforzato con un altro nuovo materiale, che riduce la naturale disgregazione. Inoltre, il separatore e l'elettrolito utilizzati sono ottimizzati per ridurre l'autoscarica della batteria eneloop.

In che modo è stata modificata la nuova eneloop?

La differenza tecnologica fra la "vecchia" e la "nuova" eneloop è l'ulteriore miglioramento della lega superlattice della "nuova" eneloop.

  1. Materiali innovativi: Sviluppo di una lega superlattice a lunga durata. La durata della lega superlattice originale Panasonic, un materiale dell'elettrodo negativo utilizzato nelle batterie eneloop, è staata migliorata grazie all'omogeneizzazione della struttura cristallina (una riduzione dei cristalli con una disposizione irregolare degli atomi) e al miglioramento della sua composizione (il rapporto degli elementi costitutivi) per ridurre l'usura della lega superlattice durante la carica e la scarica ripetute.
  2. Processo di produzione innovativo: Tecnologia sviluppata per proteggere la superficie della lega superlattice Sono stati sviluppati un nuovo additivo per il materiale dell'elettrodo negativo, la lega superlattice, e una nuova tecnologia di rivestimento. Proteggendo la superficie in lega si riduce l'usura della lega superlattice dovuta all'uso ripetuto.
  3. Struttura migliorata: Uso di un involucro robusto e sottile. La nuova batteria eneloop ha lo stesso involucro robusto e sottile utilizzato per le batterie ricaricabili AA Panasonic serie Ni-MH2700 ad alta capacità, le più avanzate nel settore. Ciò migliora l'efficienza dello spazio interno delle celle e ottimizza l'equilibrio fra i componenti della batteria, aumentando i cicli di ricarica della batteria.

 

News 002/14

Panasonic illumina il mercato dei LED con la nuova lampadina Nostalgic Clear !

Cresce in Italia il mercato delle lampade a LED che stanno in breve tempo diventando la tecnologia dominante per l’illuminazione. Nel nostro Paese si è assistito negli ultimi anni ad una crescita precoce del settore dovuta alla lungimirante idea di sfruttare il potenziale dei LED per le funzionalità di illuminazione in ambito architettonico, sia in progetti commerciali ad alto profilo sia in progetti residenziali.

Leggi tutto...

News 001/14

Panasonic completa l’acquisizione di Sanyo

Panasonic ha completato l’acquisizione della maggioranza delle azioni con diritto di voto di Sanyo. A seguito dell’operazione Sanyo diventa a tutti gli effetti una società sussidiaria di Panasonic: l’obiettivo della nuova società è diventare leader mondiale nel settore dell’innovazione tecnologica per l’ambiente entro il 2018.

Panasonic ha completato l’acquisizione della quota di maggioranza delle azioni di Sanyo: con il completamento dell’operazione ora Sanyo è a tutti gli effetti una società  sussidiaria di Panasonic. La procedura di acquisizione è cominciata con un accordo siglato tra le due multinazionali nel dicembre del 2008. A partire da quella data è stata istituita una commissione di collaborazione che oltre ad ottenere il nulla osta dalle autorità  anti-trust in Giappone e anche negli altri Paesi in cui le due società  sono presenti, ha elaborato un piano per unire e rafforzare le posizioni di mercato e finanziare.

Leggi tutto...